Legge sul fumo

TABAGISTI URBANI

tabagisti-1

l’autore di questo articono NON fuma

Domani 10 gennaio data storica per i fumatori italiani! Tra meno di 10 ore non si potrà più fumare nei locali pubblici, quali bar, discos, negozi, etc.

Richiamando i Sistemi Complessi, a cui il gruppo fa fede e riferimento per ogni sua attività, attraverso questa wiki-sfera note, vorrei avanzare delle ipotesi di come la modificazione di un vizio sociale possa mutare il volto di una città.

Iniziamo.

La pianificazione urbana, come mi insegnarono, è composta da decisioni prese dall’alto e dal basso. La legge che prescrive l’attività di spipacchiamento in tutti i luoghi pubblici, non è direttamente riferibile alla pianificazione urbana.

Ma.

L’autoorganizzazione, istinto di cui è dotato ogni elemento costituente l’universo, ne è la risposta. Anche i fumatori con il loro cervello annebbiato conoscono l’autoorganizzazione, minima spesa massima resa.

Di fatti.

Cosa faranno i nostri “poveri” fumatori? Daranno vita a regolari processioni da dentro a fuori, dal fuori al dentro. Lentamente si riapproprieranno della città, degli esterni.

Quindi.

Nell’eventualità in cui si avranno più persone fuori dai bar che dentro, i baristi, anch’essi dotati di autoorganizzazione istintiva, inizieranno a investire in mega dehors dotati di qualsiasi confort e più belli del locale stesso.

Di conseguenza.

Le superfetazioni urbane cambieranno il volto delle città. Appesi alle facciate dei palazzi vi saranno dehors spaziali e balconcini gremiti di persone.

In fine.

Le persone, con o senza sigaretta, si riapproprieranno delle strade e piazze. Gli scambi sociali avverranno sempre più all’esterno con gruppetti di tabagisti in cerca di un riparo da sole e pioggia.

Seconda ipotesi, la più auspicabile, grazie a questa legge, 14 milioni di italiani spegneranno per sempre la loro sigaretta.

La città rimase immutata.

in UsA? dove la legge, in alcuni stati è in vigore da dieci anni, qualcosa di quello che il nostro amico Ale sembra prospettare sta accadendo, a scala ridotta ma…piccole mutazioni