Corviale

ER SERPENTONE

corviale_01

foto di Christian Condò

Il Corviale è un quartiere di edilizia pubblica situato nella periferia sud-ovest di Roma. Edificato tra gli anni ’70 – ’80, consiste in un unico blocco di fabbrica lungo 1KM. Alto nove piani, risiedono circa 8500 individui in 1202 appartamenti.

Il comprensorio, che fa parte delle aree destinate dalla Legge 167 all’edilizia economica e popolare, è stato edificato dallo IACP della Provincia di Roma che ha affidato il disegno all’équipe di 23 progettisti diretta dall’architetto Mario Fiorentino (autore anche del monumento alle Fosse Ardeatine). Durante la fine dei lavori Corviale, fu preso di mira da parte di più cittadini con impellente necessità di un abitazione.

La prima occupazione risale al 1983, quando 700 famiglie presero d’assalto il palazzo ed entrarono con la forza negli appartamenti e si concluse con l’attendamento nel piazzale sottostante di 150 nuclei per circa un anno e mezzo. La seconda è quella attuale relativa al quarto piano, occupato da autocostruttori che, per insediarsi, hanno approfittato del disservizio delle istituzioni. Il quarto piano di Corviale doveva essere, infatti, quel piano riservato a servizi e impianti collettivi che invece è rimasto per anni inutilizzato, a parte qualche sporadica iniziativa immediatamente rientrata. Il serpentone così occupato, mal finito e privo di qualsiasi servizio fu l’ambiente migliore in cui far crescere disagio, diffidenza e dissenso tra gli abitanti stessi e le istituzioni.


Nomerosi sono stati gli interventi (che si trovono su google) di analisi sociale, mediazione istituzionale e di salvaguardia; tra questi c’è anche Corviale Network

corviale_02