Me ne vado

muss

ok, ci siamo.
è arrivato il momento di puntare a caso il dito sul mappamondo e decidere dove emigrare.
addio casa, affetti, amici, cinema magistralmente doppiato.
pare che iran, birmania e corea del nord garantiscano una democrazia migliore della nostra.

quindi il fascismo era ok.
quindi i patrioti erano quelli di salò.
cazzo, NON CI POSSO CREDERE.

ed è pazzesco come queste dichiarazioni trovino riscontro nell’opinione pubblica: è sufficiente andare sul sito di qualuque giornale e leggere i commenti lasciati dagli utenti.

agghiaccianti!

ma, amico fascista (sui forum “lupo nero”, “aquila nera”, “corvo nero”… insomma, animale nero), ti rendi conto che “fascismo” vuol dire che uno comanda, ha potere di vita o di morte ANCHE SU DI TE, CARO CAMERATA?
mi viene da pensare che chi è così a destra non abbia abbastanza autostima da credere di meritare la libertà, chissà, qualche strano senso di colpa…
che non abbiano desideri? non capisco.

e così, anno MMVIII (anno LXXXVI del Ventennio), siamo ancora nel dopoguerra, non abbiamo ancora risolto nulla.
cosa facciamo, qualche bel regolamento di conti comunisti/fascisti?

magari una bella guerra civile, sanguinosa il giusto, con qualche spassosissima atrocità di massa?
butto giù due idee: qualche migliaio di stupri? mine antiuomo? boh, cos’altro…. ah, già, campi di sterminio, banale ma funziona sempre.

negli ultimi anni in politica si sono animate tensioni pazzesche, climi di odio e disprezzo tra “comunisti” e “quelli di destra”.
tale odio si è gradualmente trasferito anche nelle nostre vite private: uno di sinistra, solitamente, guarda con un certo disgusto i berlusconiani-lampada abbronzante-cocaina-ultimo telefonino mentre quelli di destra schifano i cenciosi comunisti-rolla sigarette/spinelli-seduti per terra ai concerti-abbigliamento del balon.

invece di sedare queste divisioni, le si fomenta sempre di più, con toni sempre più accesi.
se portiamo il discorso a tali pericolosissimi (e grottescamente anacronistici) estremismi, ci sarà una bella massa di ignoranti che seguirà gli annunci più roboanti e ne farà linee guida per la vita.
ma per favore, italiani, popolo italiano, possiamo andare avanti, invece che indietro?

se ci metti che tra un po’ usa-urs… cioè, russia, vengono alle mani…
io non ci voglio entrare in queste PUTTANATE, me ne vado in australia – sperando sia sufficientemente lontana.