Archinpallet – Architettura organizzata in pallet

In questo articolo di Wikizmo si raccolgono le architetture realizzate in pallet.

I pallet sono delle piattaforme costituite da assi di legno, usate per facilitare la movimentazione delle merci. Non tutti i pallet vengono utilizzati per più cicli di trasporto: spesso, infatti, organizzare un viaggio di ritorno per i pallet vuoti risulta più costoso per l’impresa che comprarne di nuovi. I pallet sono leggeri, trasportabili, resistenti ai carichi e facilmente reperibili. Per tutti questi motivi costruire con i pallet è un approccio sostenibile all’architettura. Si tratta di un metodo già consolidato, anche se in via sperimentale. Molti studi si sono infatti lanciati nella progettazione e realizzazione di architetture in pallet.

Si presentano qui di seguito le installazioni e le architetture in ordine casuale.

Unit Load_Redux / HDR Architecture   via treehugger
Installazione temporanea è realizzata allo scopo di sensibilizzare il pubblico alle tematiche ambientali. La bici è collegata alla struttura in pallet e ad una dinamo, la quale produce energia generata dalle pedalate dei visitatori. L’elettricità accumulata viene rilasciata la notte permettendo di illuminare l’opera donandole una seconda vita. HDR_Architecture-Unit_Load_Redux_01.jpg HDR_Architecture-Unit_Load_Redux_02
Door House / Cubo Arquitectos  via inhabitat
Prototipo di un rifugio d’emergenza; un kit contentente: 36 pannelli, 24 pallet, 8 fogli di compensato OSB, vari tubi in acciaio, teli di plastica ed elementi di fissaggio. Con un tempo di costruzione di solo 8 ore è un’ideale soluzione per realizzare un rifugio. Door-House_Cubo-Arquitectos_01 Door-House_Cubo-Arquitectos_02
Manifesto House / James & Mau + Infiniski  via archdaily
L’edificio progettato da James & Mau vuol rappresentare un manifesto per Infiniski: società che progetta e realizza abitazioni eco-friendly: realizzate con materiali riciclati, non inquinanti e riutilizzabili. Inoltre Infiniski propone altre soluzioni abitative pensate in termini di sostenibilità energetica, modularità, velocità di costruzione e smontaggio rapido. Manifesto-House_James-&-Mau_01  Manifesto-House_James-&-Mau_02
Palettenhaus / Schnetzer & Pils  via palettenhaus
Palettenhaus è il progetto vincitore del concorso GAU:DI Sustainable Architecture Competition. E’ un edificio di 60 mq fatto di  800 pallet riciclati, usati come pannelli di facciata, per la pavimentazione e la copertura; la cellulosa riempie l’intercapedine tra un pallet e l’altro, assolvendo la funzione di isolamento termico.La palettenhaus necessita di pochissima energia: 24 kWh/mq annui. palettenhaus_pils-schnetzer.jpg palettenhaus_pils-schnetzer 2.jpg
Pallet House / I-BEAM  via i-beamdesign
Pensato inizialmente come modulo abitativo d’emergenza per i rifugiati del Kosovo, è stato adattato per l’emergenza provocata dallo tzunami nel 2004. La pallet House è interamente formata da pallet di legno, facilmente reperibili nelle zone dove arrivano cargo con gli aiuti umanitari. Se combinata con altri materiali per migliorare l’isolamento e impedire le infiltrazioni d’acqua, può anche diventare una struttura abitativa per periodi più lunghi.  pallet-hause_i-beam.jpg pallet-hause_i-beam-2.jpg
ECObox partecipato / AAA  via domusweb
AAA (Atelier d’Architecture Autogérée) ha guidatogli abitanti nella riappropriazione di uno spazio pubblico abbandonato e degradato attraverso la realizzazione di un giardino temporaneo. I pallet formano il modulo base e offrono una superficie da seminare o da utilizzare per i camminamenti. eco-box_aaa-3.jpg eco-box_aaa-2.jpg
B&B store / Studio Collage   via atcasa
In occasione di Milano-design-in-the-city (22-25 ottobre 2009), nei migliori negozi di arredamento; designer e creativi hanno realizzato allestimenti onirici, come voleva il titolo della manifestazione: “La forma dei sogni”. Il tema consentiva di certo una grande libertà di interpretazione e così è stato per lo showroom B&B Italia. Allestimento del flagship store B&B, realizzato da Studio Collage, ha previsto l’utilizzo di pallet come quinta scenografica. B&B-store_Studio-Collage_01.jpg B&B-store_Studio-Collage_02.jpg
I love green / 2A+P/A  via 2ap
I love green è un’installazione temporanea realizzata a Roma. Tutti materiali utilizzati sono stati scelti per le loro caratteristiche si riutilizzabilità  e riciclabilità. I pallet formano la base d’appoggio su cui sono state posate le cassette in cui è stato seminato il prato. i-love-green_2a+.jpg i-love-green_2a+-2.jpg
Hotel Aire de Bardenas / Emiliano Lopez Monica Rivera Arquitectos  via lopez-rivera
Vincitore di numerosi premi internazionali, questo progetto utilizza i pallet per marcare il perimetro dell’hotel, proteggendolo dal vento senza impedire all’aria di passare. Ciò permette di allestire degli spazi all’aperto. Inoltre la cortina di pallet costituisce una quinta su cui si affacciano alcune camere. hotel_lopez-rivera.jpg hotel_lopez-rivera-2.jpg
Pallet Pavilion / Matthias Loebermann via blog.bellostes
Il Pallet Pavilion è stato realizzato in occasione della World Cup Ski a Oberstdorf (Germania), con la funzione di punto d’incontro per i partecipanti. Il padiglione è stato costruito con 1300 pallet tenuti insieme da 20 tiranti, è alto 6 metri e copre uno spazio di 8 x 18 metri. pallet pavilion_loebermann.jpg pallet pavilion_loebermann 2.jpg
Pallet Theater  / Oudendijk + Korbes via wrongdistance
Oudendijk e Korbes sono due designer che utilizzano come materiali per loro creazioni oggetti di scarto come pneumatici, taniche, vecchi container, eccetra. In questo caso hanno progettato un’installazione per un piccolo teatro interno ad Amsterdam utilizzando sia per il palco che per la platea dei pallet riciclati. theater_korbes-oudendijk.jpg
Pallet Design via greenpallet
Pallet Design è una cooperativa onlus che si propone di valorizzare gli imballaggi in legno proponendoli non solo come piattaforme per la movimentazione delle merci ma anche rielaborandoi come elementi di design.Progetto realizzato da: arch. Manolo Benvenuti pallet-design.jpg pallet-design-2.jpg
Babel Tower / Ramirez, Leung, Roat via superuse
E’ un’ un’architettura temporanea realizzata a San Francisco nel 2009 in occasione del Burning Man Festival. E’ composta da sette esagoni sovrapposti per un’altezza totale di 9 metri. I lati degli esagoni, composti dai pallet, possono essere fissi o apribili. La struttura è tenuta da cavi metallici messi in tesione e ancorati a terra. Di notte la torre viene illuminata da led rossi, che la rendono una sorta di faro. Babel-Tower_Ramirez-Leung_Roat_01.jpg Babel-Tower_Ramirez-Leung_Roat_02.jpg
Pallet Housing System PHS via treehugger
E’ un sistema brevettato per un’abitazione in pallet. Le pareti e i solai del modulo abitativo sono realizzate con pannelli formati da due pallet rivestiti con un pannello di OSB  o di compensato a cui è sovrapposto un film impermeabile. L’intercapedine che si viene a creare all’interno dei pallet è riempita di materiale isolante. Questo modulo è stato studiato per tre diverse localizzazioni: Svezia, Spagna e Cile. PHS_01.jpg PHS_02.jpg
Pallet Barn / Paul Stankey via hivemodular
L’interno di questo capanno costruito nel 2007 dopo aver recuperato 24 grandi pallet, è retto da una struttura in legno a telaio. Le pareti sono composte da pannelli in pallet realizzati a terra, poi sollevati e temporaneamente puntellati a terra. Pallet-barn_Stankey_01.jpg Pallet-barn_Stankey_02.jpg
Pallet house / Onix via onix
Onix ha realizzato un’installazione per studiare il prototipo di un’abitazione in pallet. Per realizzare i muri i pallet vengono sovrapposti in orizzontale: in questo modo si utilizzano in tutta la loro capacità strutturale, ma le pareti risultano essere spesse almeno 80 centimetri (la larghezza di un pallet). Per realizzare le aperture è stata realizzata un’architrave su cui appoggia un tavolato. Pallet-house_Onix_01.jpg Pallet-house_Onix_02.jpg
Urban Farm Buildings / University of Colorado Denver via Inhabitat
Gli studenti dell’Università di Denver hanno costruito, sul terreno su cui sorgeva l’Aeroporto di Stapleton, un esempio di architettura sostenibile utilizzando pallet e altri materiali recuperati. Urban-farm_University-Denver_02.jpg Urban-farm_University-Denver_01.jpg
Jellyfish Theatre  via Inhabitat
Questa installazione è stata realizzata interamente a partire da materiali recuperati o regalati: pallet riusati, chiodi di recupero, vecchi mobil, ritagli di pannelli e bottiglie di plastica. Il risultato è  un auditoriumtemporaneo da 120 posti, situato a 10 minuti dal Globe Theatre a Londra. Jellyfish_01.jpg Jellyfish_02.jpg

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s