#03 maggio 2011

Se non visualizzi correttamente questo messaggio clicca qui

intestazione_newsletter_izmo_logo_web

intestazione_newsletter_izmo_newsletter_web n.3
Maggio 2011

modello_banner_newsletter_izmo_da_wikizmo

maggio_wikizmo_1 maggio_wikizmo_2 maggio_wikizmo_3 maggio_wikizmo_4
Design autoprodotto: necessità o virtù Architettura organica vivente Architetture presto inutili Landscape Urbanism
In un mercato ormai saturo di prodotti industriali, il design autoprodotto sta prendendo sempre più piede. Un nuovo fenomeno al centro dei dibatti delle design week internazionali, una nicchia meno conosciuta e meno recensita ma molto produttiva. Un excursus sull’architettura organica vivente: da Frank Lloyd Wright a Giovanni Michelucci, da Pierluigi Nervi a Paolo Soleri. Molte sono le opere e gli architetti che oggi si schierano tra le fila di questa corrente. La storia dell’uomo può essere narrata attraverso oggetti inventati in relazione alle contingenze. In ogni epoca individui o gruppi di persone si sono dotati di strumenti materiali che, grazie alla loro utilità, hanno aiutato l’uomo a sopravvivere e a vivere. Natura e città. Paesaggio e urbanistica. Due termini che sono sempre stati in contrapposizione come una coppia di termini antagonisti. Ma urbanistica e architettura del paesaggio, come discipline separate, sono un prodotto del XX secolo.
Pasquale Onofrio Giuseppe Vinci Alessandro Grella Giulia Carlone

modello_banner_newsletter_izmo_working_on_web

maggio_working_on_1 PANkassette
Con il progetto PANkassette Izmo ha progettato e relizzato l’arredo di uno spazio di coworking alla Casa nel Parco, nuova sede della Fondazione Mirafiori; come richiesto dal committente, sono state usate come materiale di partenza, cassette del mercato ortofrutticolo. In una prima fase è stata effettuata la progettazione preliminare; a questa è seguita l’organizzazione di un workshop di autocostruzione aperto ai cittadini del quartiere per realizzare gli elementi di arredo.

Think Town Terni, Dinamiche della città non lineare Izmo in partnership con Walter Nicolino (carlorattiassociati – walter nicolino & carlo ratti e Senseable City Lab) ha organizzato un workshop per il FestArch Lab di Terni. Dal 29 e al 31 maggio 2011, i partecipanti raccoglieranno e analizzeranno i dati emersi dall’esplorazione urbana e dagli archivi messi a disposizione dei cittadini al fine di realizzare carte e manufatti utili a visualizzare i flussi e le dinamiche non lineari osservate.

Izmo cambia sede. Siamo da FitzLab! Izmo dopo il TYC passa a FiztLab, “lo spazio aperto alle idee” di Fitzcarraldo. Quando passate a prendere un caffè da noi?

modello_banner_newsletter_izmo_looking_around_web

maggio_looking_around_2 Top 5 apps for exploring the city: nuovi spunti per associare virtuale e reale. maggio_looking_around_1 Da dove nascono le buone idee: l’innovazione secondo Steve Johnson (video).
maggio_looking_around_3 Pendolarismo e isolamento sociale: alla ricerca di un compromesso per una migliore qualità della vita. maggio_looking_around_4 The penis size worldwide: investiamo 5 volte di più in ricerca per aumentare le dimensioni del pene che per combattere l’Alzheimer.

modello_banner_newsletter_izmo_insito_web

maggio_insito_1 maggio_insito_2
Nel passaggio pedonale che collega Corso Farini con Lungodora Siena i cittadini si autogestiscono La storia del signor Vincenzo Placcanica
Dove non arriva il comune arrivano i cittadini. Nel passaggio pedonale che collega Corso Farini con Lungodora Siena si può notare una passerella di pallet realizzata dai cittadini stanchi i bagnarsi i piedi nelle giornate di pioggia. Il signor Vincenzo Placcanica testimonia durante un’intervista l’evoluzione di una piccola parte di quartiere, un pezzo di città che conosce bene in quanto ha abitato in via Faà di Bruno 2, dove oggi hanno sede gli uffici del TYC.

social_invia_amico social_picasa social_you-tube social_linkedin social_facebook social_twitter social_seguici

componenti_izmo
Izmo associazione culturale
internet site: http://www.izmo.it
e-mail: associazione@izmo.it
sede operativa: FitzLab, via Aosta 8, 10152, Torino

DISCLAIMER: In base alle nuove norme del Parlamento Europeo ribadite dal Garante della privacy (D.L. 196/03 – art. 7 diritti dell’interessato, art. 23 consenso, art. 37 notificazione e riferimenti precedenti legge 675/96 – art 11 consenso): Tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dati personali, secondo quanto previsto dall’art. 13 Lei può, in qualsiasi momento, richiedere la rimozione del Suo indirizzo dalla nostra mailing list, inviando una e-mail a associazione@izmo.it avente come oggetto “Rimuovi”

Recent Posts

Vedere lontano

gallipoli_puglia

Qualcuno si lamenta sempre del mal tempo. Il vento gelido da nord che taglia la faccia e penetra nelle ossa.

Qui a Gallipoli è normale. Il mare si increspa, l’aria si congela, ma il lato positivo c’è. Il sole splende, l’aria tersa fa brillare le cose e fa vedere quello che rientra un po’ nel mito locale.

Diciamo che sono cresciuta con la leggenda: sai, dopo una giornata di tramontana si vede la Calabria.

Ovviamente mai vista. E’ un mito, una fesseria.

Fino a ieri.

Ero come al solito ad “errare” a Gallipoli (vedi titolo della mia tesi…). Mi fermo a guardare l’orizzonte. Un tramonto magnifico.

Un’infinità di sfumatore di rosso e arancione, che sprofondano nel blu profondo del mare. E al di là?

Le montagne della Calabria.


io l’ho sempre detto che si vedeva…comunque anche in Calabria gira la stessa voce sulla visione mitica della Puglia

  1. We Gloo: costruire un igloo a Torino Comments Off on We Gloo: costruire un igloo a Torino
  2. La dualità della critica al progetto di Le Corbusier Comments Off on La dualità della critica al progetto di Le Corbusier
  3. Design: attribuire definizioni è preferibile Comments Off on Design: attribuire definizioni è preferibile
  4. L’ambizione di capire Palermo Comments Off on L’ambizione di capire Palermo
  5. AIR: analisi di impatto della regolazione Comments Off on AIR: analisi di impatto della regolazione
  6. La lettura di Chandigarh attraverso le riviste Comments Off on La lettura di Chandigarh attraverso le riviste
  7. Infografica – More than words Comments Off on Infografica – More than words
  8. Riqualificare i relitti urbani con la creatività Comments Off on Riqualificare i relitti urbani con la creatività
  9. Globalizzazione e soft power in architettura Comments Off on Globalizzazione e soft power in architettura
  10. La città di Chandigarh: progetto utopistico o realizzazione di un sogno? Comments Off on La città di Chandigarh: progetto utopistico o realizzazione di un sogno?
  11. Teorie e politiche della Sostenibilità Comments Off on Teorie e politiche della Sostenibilità
  12. Il futuro è libero. Software open source nella PA Comments Off on Il futuro è libero. Software open source nella PA
  13. Crescita superlineare delle città Comments Off on Crescita superlineare delle città
  14. 1000 eco design Comments Off on 1000 eco design
  15. Decidere le grandi opere Comments Off on Decidere le grandi opere
  16. Notizie e Up Date Comments Off on Notizie e Up Date
  17. Architetture presto inutili – Paesaggi digitali Comments Off on Architetture presto inutili – Paesaggi digitali
  18. Architettura organica vivente Comments Off on Architettura organica vivente
  19. Landscape Urbanism Comments Off on Landscape Urbanism