Participatory Design Workshop – A Treehouse in Public Space

Participatory Design Workshop – A Treehouse in Public Space

This slideshow requires JavaScript.

watch on Picasa

Titolo: Participatory Design Workshop – A Treehouse in Public Space
Data: maggio 2014
Luogo: Novello (CN)
In collaborazione con: Associazione Yepp Langhe; Comune di Novello
Team: Alessandro Grella, Pasquale Onofrio, Andrea Pasquarelli, Alberto Rudellat, Giuseppe Vinci
Keywords: progettazione partecipata; autocostruzione; workshop; spazio pubblico; casa sull’albero

Obiettivi

Realizzare un’installazione funzionale alla riqualificazione e all’arredamento dello spazio esterno di un centro di aggregazione giovanile, a Novello (CN), attraverso un workshop di autocostruzione con ragazzi dai 14 ai 19 anni, principali fruitori dello spazio.

Descrizione

Il workshop di Design Urbano Partecipato è stato commissionato dal Comune di Novello e dell’associazione di promozione sociale Yepp Langhe, nell’ambito del progetto “O.P.E.N. Osservare Partecipare Emergere Navigare”. La finalità del laboratorio era quella di rivitalizzare uno spazio pubblico prevalentemente utilizzato da ragazzi tra i 14 e i 19 anni, coinvolgendoli attivamente nelle attività di progettazione degli spazi e di costruzione dell’installazione e degli arredi.
Nel corso di una prima giornata di progettazione partecipata, si sono individuate le attività prevalenti da svolgere nello spazio e si è deciso che il concept dell’installazione sarebbe stato “la casa sull’albero”. Le indicazioni dei ragazzi sono poi state elaborate e sviluppate da Izmo durante una sessione di progettazione esecutiva. Infine, nel corso di 2 weekend, è stata realizzata l’installazione, utilizzando esclusivamente materiali di recupero o donati dai cittadini.
Al workshop hanno preso parte circa 10 ragazzi e, in alcune giornate di lavoro, anche adulti del paese hanno messo a disposizione la loro professionalità per contribuire al progetto.

Metodi e linguaggi

  • progettazione partecipata
  • materiali e pratiche di riutilizzo
  • autocostruzione

Conclusioni

Il laboratorio ha perseguito un triplice risultato:

  1. rivitalizzare uno spazio pubblico, rendendolo funzionale alle esigenze di chi lo utilizza;
  2. coinvolgere la cittadinanza in una partecipazione attiva, rafforzando il senso di appartenenza alla comunità;
  3. favorire pratiche di riuso sensibilizzando i partecipanti e la comunità a tale tema.

Il numero di partecipanti e il fatto che fossero molto attivi e propositivi ha consentito di ultimare un progetto piuttosto complesso nei tempi stabiliti.
Non solo i partecipanti al workshop, ma anche i cittadini presenti alla cerimonia di inaugurazione hanno dimostrato di apprezzare il lavoro. I partecipanti sono rimasti soddisfatti sia del loro coinvolgimento nel disegno del progetto che del risultato finale.

Title:Participatory Design Workshop – A Treehouse in Public Space
Date: May 2014
Location: Novello (CN) – Italy
In collaboration with: Associazione Yepp Langhe; Municipality of Novello (CN)
Team: Alessandro Grella, Pasquale Onofrio, Alberto Rudellat, Giuseppe Vinci
Keywords: participatory design; self-build; workshop; public space; treehouse

Objectives

To build an urban installation; to redevelop and furnish a public space in front of a Youth center in Novello (CN); to carry out a self-building workshop, involving the teenagers who will enjoy the space.

Description

The Participatory Design Workshop was commissioned by the Municipality of Novello (CN) and “Associazione Yepp Langhe” within the “O.P.E.N. Osservare Partecipare Emergere Navigare” project.
The workshop aimed at revitalizing a public space mainly used by teenagers, involving them in the planning and creation of the urban installation.
The first day, using some partecipatory desing methodologies, we individuated the main activities to be performed in that area and we decided the concept of the installation, which is “The Treehouse”.
Participants’ suggestions were developed by Izmo, during a design session. Then, in 2 weekends, we have made together the urban installation, only using recycled materials.
The workshop involved about 10 guys and some adults, who made their competences available to the project.

Methods and languages

  • participatory design
  • material and action of reuse
  • self-build construction

Conclusions

The workshop has achieved a threefold result:

  1. revitalize a public space, making it functional for its intended use;
  2. involve the citizens in active participation, reinforcing their sense of community;
  3. encourage re-use practices by raising awareness to this issue among participants and in the whole community.

The impressive degree of partecipation among the boys, girls and other citizens, and their enthusiasm for the project enabled Izmo to conclude the workshop in time.
The participants enjoyed the workshop and loved the installation: they were satisfied with their involvement in the planning of the project and in its final result.

Recent Posts

Vedere lontano

gallipoli_puglia

Qualcuno si lamenta sempre del mal tempo. Il vento gelido da nord che taglia la faccia e penetra nelle ossa.

Qui a Gallipoli è normale. Il mare si increspa, l’aria si congela, ma il lato positivo c’è. Il sole splende, l’aria tersa fa brillare le cose e fa vedere quello che rientra un po’ nel mito locale.

Diciamo che sono cresciuta con la leggenda: sai, dopo una giornata di tramontana si vede la Calabria.

Ovviamente mai vista. E’ un mito, una fesseria.

Fino a ieri.

Ero come al solito ad “errare” a Gallipoli (vedi titolo della mia tesi…). Mi fermo a guardare l’orizzonte. Un tramonto magnifico.

Un’infinità di sfumatore di rosso e arancione, che sprofondano nel blu profondo del mare. E al di là?

Le montagne della Calabria.


io l’ho sempre detto che si vedeva…comunque anche in Calabria gira la stessa voce sulla visione mitica della Puglia

  1. We Gloo: costruire un igloo a Torino Comments Off on We Gloo: costruire un igloo a Torino
  2. La dualità della critica al progetto di Le Corbusier Comments Off on La dualità della critica al progetto di Le Corbusier
  3. Design: attribuire definizioni è preferibile Comments Off on Design: attribuire definizioni è preferibile
  4. L’ambizione di capire Palermo Comments Off on L’ambizione di capire Palermo
  5. AIR: analisi di impatto della regolazione Comments Off on AIR: analisi di impatto della regolazione
  6. La lettura di Chandigarh attraverso le riviste Comments Off on La lettura di Chandigarh attraverso le riviste
  7. Infografica – More than words Comments Off on Infografica – More than words
  8. Riqualificare i relitti urbani con la creatività Comments Off on Riqualificare i relitti urbani con la creatività
  9. Globalizzazione e soft power in architettura Comments Off on Globalizzazione e soft power in architettura
  10. La città di Chandigarh: progetto utopistico o realizzazione di un sogno? Comments Off on La città di Chandigarh: progetto utopistico o realizzazione di un sogno?
  11. Teorie e politiche della Sostenibilità Comments Off on Teorie e politiche della Sostenibilità
  12. Il futuro è libero. Software open source nella PA Comments Off on Il futuro è libero. Software open source nella PA
  13. Crescita superlineare delle città Comments Off on Crescita superlineare delle città
  14. 1000 eco design Comments Off on 1000 eco design
  15. Decidere le grandi opere Comments Off on Decidere le grandi opere
  16. Notizie e Up Date Comments Off on Notizie e Up Date
  17. Architetture presto inutili – Paesaggi digitali Comments Off on Architetture presto inutili – Paesaggi digitali
  18. Architettura organica vivente Comments Off on Architettura organica vivente
  19. Landscape Urbanism Comments Off on Landscape Urbanism